telefonate commerciali

Telefonate commerciali? Ecco 5 modi per non riceverle più

Stanco di continue telefonate commerciali che arrivano puntualmente a ogni ora del giorno?

Non preoccuparti, abbiamo noi la soluzione: si chiama Registro Pubblico delle Opposizioni e serve proprio a evitare di essere disturbati da questo tipo di telefonate.

Iniziamo col dire che il Registro Pubblico delle Opposizioni è un servizio gratuito patrocinato dal Ministero dello Sviluppo Economico che permette a tutti i cittadini di difendersi dalle chiamate commerciali.

Iscriversi è facilissimo, basta infatti inserire il tuo recapito telefonico e nel giro di pochi giorni (in media 15) alle aziende che si occupano di telemarketing non sarà più consentito chiamarti.

Ogni persona può infatti tutelare i propri dati personali per opporsi alle telefonate commerciali esercitando i diritti previsti dal Regolamento europeo 2016/679.

Cosa puoi fare concretamente

Bene, adesso che abbiamo definito i tuoi diritti e sappiamo per certo che c’è un modo (in realtà ce ne sono diversi) per opporsi alle telefonate commerciali, vediamo nel dettaglio cosa puoi fare concretamente.

Tutte le azioni che ti proponiamo fanno riferimento al Registro Pubblico delle Opposizioni, dove puoi iscriverti gratuitamente e per una durata illimitata fino a che non decidi tu di revocare l’iscrizione.

Puoi contattare il Registro Pubblico delle Opposizioni in questi modi:

  • inviare una raccomandata “GESTORE DEL REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI – ABBONATI”
    UFFICIO ROMA NOMENTANO – CASELLA POSTALE 7211 – 00162 ROMA (RM)
  • Via fax: 06.54224822
  • Per e-mail: abbonati.rpo@fub.it
  • Tramite il numero verde: 800.265.265
  • Compilando il modulo elettronico disponibile nella apposita “area abbonato” sul sito: www.registrodelleopposizioni.it

Le norme a tutela del consumatore

Poichè le telefonate commerciali sono da sempre oggetto di polemica sull’utilizzo dei dati e della privacy del consumatore, sono state inserite ulteriori norme a protezione dello stesso.

Per questo motivo le aziende di telemarketing sono obbligate a:

  • rendere visibile il numero chiamante (infatti spesso questo tipo di telefonate in passato avevano numeri privati o sconosciuti)
  • gli operatori, o i loro responsabili, al momento della chiamata devono indicare con precisione agli interessati che i loro dati personali sono stati estratti dagli elenchi di abbonati. E non solo. Devono anche informare il consumatore della possibilità di iscriversi al registro delle opposizioni.

Esistono delle sanzioni per chi non rispetta queste regole? Certamente, infatti in caso di violazione del diritto di opposizione, nelle forme previste dal d.P.R. 178/2010  si applica una sanzione da 10 mila a 120 mila euro.

Cosa succede se ricevi ancora telefonate nonostante l’iscrizione

Se nonostante la tua richiesta di iscrizione al Registro continui a ricevere telefonate commerciali e sono trascorsi più di 15 giorni dalla registrazione puoi provare a rivolgerti direttamente al Garante per la protezione dei dati personali o all’Autorità giudiziaria.

Prima di rivolgerti al Garante o all’Autorità devi però essere certo di tre condizioni:

  • accertati dell’avvenuta iscrizione al Registro
  • controlla che siano effettivamente trascorsi 15 giorni dal momento dell’iscrizione (precisiamo nuovamente che solo dopo tale termine l’iscrizione diventa definitiva)
  • verifica di non aver prestato il consenso al trattamento dei propri dati per finalità di telemarketing allo specifico soggetto che ha effettuato la chiamata.